QNAP dice agli utenti NAS di aggiornare il firmware per evitare un nuovo tipo di ransomware

Istanza mancante, prova a ricaricare le istanze

Ciò significa che gli utenti dovranno pagare il riscatto richiesto dagli operatori di AgeLocker se desiderano riottenere l’accesso ai loro file, da qui il motivo per cui QNAP sta fortemente esortando gli utenti ad aggiornare il firmware e il software dei loro dispositivi NAS per evitare di cadere vittima di esso in primo luogo.

Ransomware AgeLocker

QNAP ha rivelato in un recente avviso di sicurezza che il suo firmware QTS e PhotoStation, una delle applicazioni predefinite che viene preinstallato con i suoi dispositivi, sono due dei modi in cui AgeLocker è in grado di accedere ai dispositivi NAS dell’utente. L’azienda ha fornito ulteriori informazioni sulla sua indagine in corso su AgeLocker, dicendo:

“L’intelligence attuale ha sottolineato che i sistemi interessati da AgeLocker sono per lo più dispositivi macOS e Linux, e l’indagine iniziale di QNAP ha mostrato che nessuna vulnerabilità senza patch si trova in QTS. Tutti i NAS interessati noti eseguono versioni QTS meno recenti e senza patch. QNAP sta conducendo un’indagine approfondita lavorando con altre entità di sicurezza delle informazioni per garantire la sicurezza di tutti i prodotti QNAP.”

Al fine di evitare di cadere vittima di AgeLocker, i proprietari di dispositivi NAS QNAP dovrebbero aggiornare il firmware dei loro dispositivi così come qualsiasi software preinstallato come l’applicazione PhotoStation della società.

QNAP ha fornito la stessa raccomandazione agli utenti nel mese di giugno, quando i suoi dispositivi sono stati presi di mira dal ransomware eCh0raix.

  • Questi sono i migliori dischi rigidi NAS sul mercato

Via DNet